I nostri 2 minuti d’amore sulla pelle dei bambini – da Il Pedante su emozioni, sentimenti, ragione e politica

Ho appena letto, grazie ad una condivisione in facebook, un articolo dal blog Il Pedante.

Ne riporto alcuni stralci, perché li trovo chiari e lucidi come poche altre cose sul tema dell’uso strumentalizzato e svilente che, nella comunicazione di oggi, si fa delle emozioni.

Mi rendo così conto che un buon 80% di tutti gli articoli che scrivo qui su Crosscritture riguardano o sono attraversati proprio da questo problema, che provo disperatamente a sviscerare sia in declinazioni particolari, ad esempio sull’immigrazione, lo ius soli, il Front National, il genere sessuale, sul “caso-Saviano“, o in generale, sulle modalità del dibattito riguardo l’attualità, su emozioni e sentimenti nella comunicazione odierna, sulla strumentalizzazione dei buoni sentimenti, e via dicendo.

Buona lettura.

Continua a leggere

Tutta la curiosità che ho da dare

Ma esattamente, chi ve l’ha detto che “tutto l’amore che ho” lo dovete proprio dare?
Tenerne un po’ per voi / non solo per una persona / non solo fine a sé stesso?
E parallelamente investire un po’ anche in “tutte le considerazioni che ho”, “Tutta la curiosità che ho” [non per forza da dare]?

Continua a leggere

Quattro o cinque cose che ho capito

Allora.
Fatti, parole, percorsi mi han fatto capire che:

– Nessuno può dirmi come mi sento o come dovrei sentirmi
– Come mi sento non è “un problema”; se io, o se voi problematizzate come mi sento, ecco il problema Continua a leggere