In memoria, e un accorato appello a tutti

Quando qualcuno si toglie la vita, più dell’acuta fitta per la solitudine, le distanze, il gelo, le mancanze dagli altri, normali o meno, taglia il respiro pensare a quanto ti deve mancare te stesso. Alla solitudine fra te e te. All’orribile, mostruoso bilico, allo svanire, alla devastante assenza inalterabile di te. Continua a leggere

#NoStigmaDepressione: sono depresso e non ho mai ucciso nessuno!

Di depressione psicologica, depressione sociale e voglia, comunque, di vivere.

Al di là del Buco

Ciao,

ho letto questo e volevo raccontare la mia esperienza. Sono depresso da almeno cinque anni e non mi è mai venuto in mente di uccidere nessuno. Non credo di essere un uomo molesto. Non vado sui social network per sfogare la mia frustrazione e passo le mie giornate senza che abbiano un grande significato.

Cos’è essere depresso per me? E’ restare a macerarsi ossessivamente sull’idea di farla finita perché pensi che la tua morte potrebbe risolvere molte cose. Potresti smettere di preoccuparti, di dover aspettare da un momento all’altro qualcuno che esige il pagamento dei debiti e ti pignora tutto. Potresti smettere di sentirti di peso mentre vedi tua moglie e addirittura tua figlia farsi in quattro per tirare avanti. Potresti smettere di piangere e guardare un muro bianco mentre ti sfinisci di seghe. Potresti dormire, finalmente.

Ma un depresso non è una persona senza coscienza e non è nulla…

View original post 814 altre parole