Una tesi su Camus non può fare

Rileggo a distanza di anni questo pezzo di Said. E risuonano concetti diversi. Molto diversi anche da quelli della mia Tesi di laurea specialistica. Certo, era una tesi eminentemente filologica e non di politica della letteratura, ma non posso non ricordare in che tono i pochi spunti politici venivano indirizzati, in che quadro inquadrati dal docente che mi seguiva. Il tutto si risolveva di solito nella battuta, pronunciata con inattaccabile verve da “viveur letterario”, e messa in bocca a Sartre:

Continua a leggere

Annunci