Pannella, la sinistra, lo spirito critico, ovvero: chi è più morto

Il profluvio di odi a Pannella da parte della sinistra (l’ultimo profeta della democrazia, il campione dei diritti, requiem for a dreamer, ora insegna agli angeli a bestemmiare…) la dice molto, molto lunga sullo stato di salute della sinistra stessa, oggi. Che si rivela, senza allargare troppo il discorso, totalmente incapace della benché minima analisi del reale – figurati di una trasformazione del reale. Continua a leggere

Una semplice alternativa, cazzo!

La Ferrari inizia a regalare le prime soddisfazioni a Sergio Marchionne. […] Il manager del Lingotto […] ha esercitato lo scorso 30 ottobre le sue stock option Fca e Cnhi […]. A fine giornata, dopo averne venduto una parte per saldare i prezzi d’acquisto e far cassa, si è trovato in tasca un tesoretto da 90 milioni di euro.

La prima fetta, pari a 10,7 milioni in contanti, è arrivata comprando e vendendo in 24 ore i titoli legati al piano di incentivazione in scadenza il 3 novembre. […] Il manager del Lingotto però non si è fermato qui e […] al termine di questa partita di giro, senza aver messo un centesimo di tasca propria, si è messo nel portafoglio 5,2 milioni di azioni della casa automobilistica e 5,7 della Cnhi. Valore totale: 80 milioni di euro circa.

Continua a leggere

Gli immigrati – problema, risorsa o vaffanculo agli “altri”?

Da questo articolo apprendiamo che gli immigrati ci costano 100milioni…ma ce ne fruttano 6miliardi e dico 6 e mezzo.

Non che questi discorsi mi piacciano, quasi che l’accoglienza debba essere legata solo alla convenienza – ma lasciamo stare me, pensiamo agli altri, quelli che credono gli immigrati siano tanti quasi quanto gli italiani. E invece siamo “fermi” al 7% della popolazione. Continua a leggere