Atto di scienza – vaccini, sacerdoti ed esseri umani

La scienza è una cosa seria.
Proprio per questo è importante non dimenticare su cosa si fonda: il dubbio.
La scienza lascia sempre aperto il dubbio di poter rimettere in discussione, sulla base di dati, le verità raggiunte in un preciso momento.

Se mi spaventa la gente che si crede medico, che crede la scienza sia solo bordello di corruzione e poteri (e lo è, ovviamente, in parte), altrettanto mi spaventa chi prende la scienza per dogma divino.
Continua a leggere

Storia di una scrittura, delle sue ceneri, e di voi

Ricordo che a sei anni, appena capito come i segni maldestri sulla carta potessero legarsi in una avventurosa catena, in una storia, mi misi a scrivere il mio primo romanzo. Parlava di Cip e Ciop, ed era un lungo dialogo, caparbiamente monotono, coraggiosamente estenuante, fra i due scoiattoli. Roba forte, pure per le orecchie benevolenti di amici e parenti finalmente accontentati: unica nipote di nonni e zii da entrambi i rami! Il tesoro della famiglia!….va bene, ma basta “aperte le virgolette / chiuse le virgolette”, per pietà.  Continua a leggere

Un posto speciale – ciao Sancho

Vorrei rendere omaggio ad una persona che ho conosciuto troppo poco – aperitivi troppo spensierati, incontri troppo veloci. E il pensiero, spessissimo, di reincontrarti, di venire al gruppo di lettura, pure di discutere con te. Ma tant’è.

Vorrei dire, ma non vengono grandi parole, per pudore, perché non sono un familiare. E poi che importa? E’ andata così.

Ma per le persone è ancora meno vero il detto “un posto vale l’altro”. Ci sono posti, semplicemente, speciali. Continua a leggere

Riflessioni sul reale – o almeno ci si prova

Scrivo questo articolo per riassumere alcune cose che penso da qualche tempo, cose che mi hanno portano lontano da persone, ambienti, gruppi che tuttora stimo, ma che non posso non ritenere, per questo, meno valide, quantomeno come rimessa in discussione.

Si tratta di cose importanti per la vita di tutti noi, quindi penso possano interessare, potenzialmente, tutti.

Le ho scritte ad una persona precisa, ma è un avvio di dialogo con chiunque.

Come per tutti, credo, non si tratta solo di “farina del mio sacco”, ma la macinatura è tutta mia – anche perché a conclusioni simili si arriva per strade, con tempi e modi diversi, e pure litigando, con se stessi e anche con chi è d’accordo. Figurarsi con gli altri.

Come sempre, premetto le mie lacune – la mia è una formazione letteraria, quindi su praticamente tutto il resto sono autodidatta. Se c’è, fra i lettori, qualcuno meglio istruito di me in quanto a economia, politica, sociologia, è invitato a correggermi, senza scandalizzarsi se a volte, per arrivare al punto, sono un po’ “grossolana”. Ah, preciso anche che per “più istruito” non intendo per forza un titolato professore – l’ambito accademico, ne sono convinta, può egualmente dare strumenti quanto menomarli.

Buona Lettura.

Continua a leggere

Per non perdere il senso della parola: lavoro

Una faccenda, recentemente, ha destato un acceso dibattito e riportato al centro il tema del lavoro: quello delle aperture domenicali e/o festive dei grandi centri commerciali.

Mi sono scontrata con molti su questo argomento, e poi riporterò alcune riflessioni – ma anticipo una cosa: non avevo mai davvero capito perché la Repubblica italiana, addirittura nel primo articolo della Costituzione, si fondi sul lavoro.

Continua a leggere

Come il traliccio per l’uva

Oggi avevo voglia di allegria, e ci sono pure riuscita per un quarto d’ora. Poi, leggendo di questo suicidio e delle parole del mio coetaneo, m’è passata subito.
Perché è qualcosa di molto diverso da un altro fatto che mi aveva colpito – non conosco questo ragazzo, ma nelle sue parole risuona la frustrazione della mia generazione, risuona quello che tocca tutti noi, che ci agguanta, trascina giù o solo lambisce. La differenza sta sempre e solo nella botta di culo: quanto sei figlio di papà o mammà, quanti parenti amici conoscenti hai che ti assumono, quanto ti sei trovato nel posto giusto al momento giusto.

Continua a leggere

Insegnare in Italia: una tragicommedia che pagheremo tutti, e pagheremo caro

Sto cercando di capire, ma non è detto che ci sia riuscita, in cosa diavolo consista la strada per diventare insegnanti oggi, in Italia: proviamoci – e dico proviamoci perché so che molti sono meglio informati di me. Ogni contributo, soprattutto di esperienza personale, è utilissimo e benaccetto. 

Continua a leggere

Un’intervista speciale

Il professor Ndue Lazri, che aveva presentato il mio romanzo un anno fa, presso l’associazione InterAction di Molinetto di Mazzano, mi ha intervistata per il giornale albanese “Tirana Observer”. A questo link trovate l’intervista in albanese, mentre qui riporto la versione italiana. Non mi dilungo – solo, penso che per tirar fuori e far capire gli aspetti più interessanti di un romanzo, di una storia, dei personaggi, le domande siano importantissime. Quelle di Ndue sono semplici, ma profonde insieme: vanno al cuore di ciò che al lettore può interessare. Un grande grazie a lui, e buona lettura a voi.

Continua a leggere

CASA DOLCE HJEM

Se siete un po’ stufi del mio racconto dalla Norvegia, ecco un bellissimo, immediato racconto dall’Italia.
Spero di riuscire a far sentire la Norvegia, per quel poco che ne so, come Magnus fa sentire l’Italia.

Norvegiani

IL 2016 per Norvegiani è stato un anno intenso, quasi magico: “Dalla A allaÅ. Norvegia: istruzioni per l’uso” è arrivato agli scaffali ad aprile ed è già alla secondaristampa; ci sono stati tanti incontri bellissimi con i lettori e abbiamo ospitato tante voci diverse qui sul blog. Il 2017 si prospetta ricchissimo di novità che non vi anticipo:tempo al tempo! Mentre cercavo il modo per augurarvi un buon Natale che fosse anche God Jul, ho ricevuto questo dono bellissimo da Magnus, che qualche mese fa aveva raccontato la sua esperienza in questo post.

Quest’anno è stato lungo, ma è passato in fretta. Sono arrivato a Roma a gennaio, e quando scrivo questo mi trovo sul treno tra Milano e Zurigo. Siamo quasi a Natale, e sto correndo verso la Norvegia, lasciando alle mie spalle il mondo del Mar Mediterraneo. Sto tornando a casa.

Casa: una parola corta, composta da…

View original post 962 altre parole

A difesa dei nostri sogni – dignità e alternative

Per la prima volta da quando tengo questo blog riporto un intero articolo, e lo commento passo per passo.

Lo faccio perché alcuni conoscenti e qualche amico che stimavo (o che stimo sub conditione) si sono dichiarati d’accordo con il succo del testo, e io non mi rassegno a credere che la mia generazione sia stata irrimediabilmente fagocitata da atteggiamenti e una visione del mondo simile.

Potrebbe sembrare tempo perso, un intervento così dettagliato su una voce assurda, con cui neanche ci si dovrebbe mettere a discutere – ma invece è un’occasione, e mi sento di doverla cogliere perché questo pezzo è esemplificativi delle pressioni, dei condizionamenti, dei discorsi malposti, di morale doppia (nel senso due pesi due misure) e unica (nel senso di unica possibile) che ci troviamo a “ricevere” da ormai decenni. Continua a leggere