Christo sul lago: onorati e zitti o liberi di dubitare?

[Le parti iniziali dell’articolo sono state scritte nell’aprile 2016; seguono aggiornamenti più recenti con le rispettive date].

INTRO

Come sapete da questo post, sono originaria del Lago d’Iseo, un piccolo lago del Nord Italia. Dei “grandi” laghi lombardi è di sicuro il meno conosciuto – meno scenografico del Garda, da alcuni ritenuto cupo, con paesotti graziosi, ma senza pretese.

Naturalmente io lo preferisco a qualsiasi altro, e l’ho sempre preferito a qualsiasi mare. Non per la bellezza, non per le destinazioni da guida turistica – è tutto molto più banale: da bambina solitaria e riflessiva, senza troppe idealizzazioni l’ho guardato per ore lunghissime, ci sono entrata, rimasta per interi pomeriggi. E ho cominciato a costruire  dialoghi e parallelismi – la sua superficie e la mia; l’acqua metallica, che sembra quasi solida nei giorni scuri, e sotto chissà cosa; le correnti nascoste che rischiano sempre di trascinare nel profondo; le alghe odorose e viscide, o morbide, i piccoli pesciolini che si incollano alle gambe per un secondo di ridicolo morso, i sassolini che rotolano instancabili; i colori abbacinanti dei bei giorni, e la forza dirompente della sarneghera, il vero e proprio tornado che d’estate sconvolge tutto il lago. E la quotidianità così placida, antica e fuori dal tempo, che ti rassicura e annichilisce perché il lago si muove ed è sempre lì e sempre sarà, così vicino e così freddo, così accogliente e poi, quando lo cerchi, così “da nessuna parte”- è l’acqua, è le montagne, è i paesi, è le alte strade sulle rocce, è gli alberi, è le anatre grandi e piccolissime, è i pesci, è tutto quello che si vede e non si vede.

Ma non è di questo che voglio parlare, volevo solo darvi idea del tipo di legame che ha chi scrive con il Lago d’Iseo – un legame profondo, ma insieme vago, pieno di luci ed ombre, se aggiungiamo che sono scappata spesso e sempre verso città, che animino un po’ la mia pigrizia, che mi diano sensi più immediati, che contengano di più le mie domande, invece di amplificarle.

Comunque, sul Lago tuttora ci lavoro. Ed ho accolto con una certa apatia iniziale, come sempre mi accade di fronte alle “grandi cose”, la notizia del decennio, o forse di più, per il Lago d’Iseo: l’artista Christo costruirà una passerella che ci permetterà di camminare sulle acque, nel giugno del 2016.


 

CHRISTO ARRIVA SUL LAGO

Di Christo sapevo poco o niente – un’immagine indefinita di non so che edificio berlinese impacchettato (…ora lo so: il Reichstag). E premetto che, per carattere e qualche concezione del mondo, sono piuttosto fredda nei confronti di certa arte contemporanea – non per il “valore” da attribuirle, per il rispetto da tributarle o per la sua legittimità. Solo, per alcune modalità e fraintendimenti a cui spesso si accompagnala presunzione di “facilità di accesso”; la riduzione dell’esperienza artistica a “fruizione emotiva”. Ma per ora lasciamo perdere.

1f0aa4375b2047d79dcdede5e26a2cec

Ho osservato, in questi mesi, la fibrillazione locale, la gente genuinamente felice di essere stata scelta, forse per la prima volta, per un qualcosa di importante, l’incredulità, le battute, le vanterie coi parenti lontani…E perché negare che l’onda emotiva della grande personalità all’opera a due passi da casa, del vivere da vicinissimo un’impresa così immaginifica, mi ha contagiato? Certo, sentir parlare di “camminare sulle acque” risveglia ricordi ginnasiali di tragica ὕβϱις, ma…accidenti, che gran cosa!

Ben presto, però, ho osservato sorgere le domande, legate soprattutto a Monteisola – “la più grande isola dei laghi europei” ci martellavano alle elementari, e io mi chiedevo sempre come potesse starci un’isola enorme in un lago così piccolo. Comunque, ci sta, e ci sono pure 9 borghi e quasi 2000 abitanti, che parlano un dialetto incredibile (mi ha sempre affascinato e ho provato ad applicarci le nozioni di linguistica che ho, ma resisto, non divago); il panorama è dominato da stradine che s’inerpicano sul vero e proprio monte che è l’isola, dalle sardine appese a seccare, dalle barchette, dagli ulivi e qualche cipresso. E’ un mondo a sé, riservato e piuttosto fiero.

Comunque, Monteisola è collegata ai paesi della costa da traghetti frequenti, che cercano di limitare i disagi degli isolani – per qualche anno ho frequentato Peschiera Maraglio, ci abitava il mio compagno…e riportare a casa la spesa, o un mobile, o qualsiasi altra cosa assume spesso i contorni dell’impresa epica.

Beh, ho osservato le comunità teoricamente “coinvolte” venir lasciate in disparte, a margine del procedere a gran fanfara delle operazioni – in parallelo è emerso un lento raffreddamento, poi una progressiva disillusione da parte della gente del posto. Per arrivare oggi ad una velata ostilità, auto-censurata solo da atteggiamenti prudenti alla “insomma è un grande artista, non facciamo i buzzurroni come sempre”, “forse qualche guadagno ci sarà anche per noi”, “eh, non bisogna mai criticare prima”.

“Christo incontra la popolazione”: spesso ho letto di simili assemblee e incontri, che a quanto riferitomi dai pochi presenti “civili” riusciti ad entrare, si sono tradotte quasi sempre in caos di giornalisti e alte cariche, e informazioni su decisioni già prese gentilmente lasciate cadere sui locali; mai, invece dialogo, domande, rimessa in discussione.

E così voci e paure invece di calare, si ammassano: il progetto di Christo è stato rifiutato da qualsiasi altro Paese (“in Germania ce l’hanno bocciata tre volte“, e il Rio de la Plata, e la Baia di Tokyo…); sono attese 500.000 persone minimo e saremo bloccati (come già accaduto tra l’altro per l’evento, immensamente più piccolo, della Festa dei fiori di Carzano, sempre a Monteisola); saranno sospesi i traghetti normali, ci saranno tratte alternative che triplicheranno i tempi (senza contare che i traghetti saranno zeppi di turisti…) [nb: questa informazione è stata poi smentita: è mantenuta la tratta Sulzano-Peschiera, anche se a singhiozzo nei giorni di maggior afflusso, che arriva fino al doppio del previsto]; agli abitanti sarà impedito anche l’uso delle imbarcazioni private; il prezzo dei trasporti lieviterà; e quell’amicizia con Beretta, produttore di armi, che fa così poco artista progressista e suscita, suscitare qualche domanda…

Manca un mese e mezzo all’evento, la passerella sta già cominciando a circondare la piccola isola di San Paolo, e gli umori neri fermentano…Meglio tardi che mai, allora, esco dalla mia apatia e cerco di capire. Ciò che più mi incuriosisce, come sempre, sono i dati iniziali, è l’analisi delle cause, dei “precedenti”…insomma, con cosa abbiamo a che fare? Come si sono sviluppate le decisioni poi tradottesi in misure concrete (giorni, percorsi, regole, divieti e permessi)?

ChZRnL8W0AEKlM9.jpg-large


CHI E’ CHRISTO: QUALCHE SCOPERTA…

Cercando notizie su Christo, su cos’ha realizzato, sulle sue idee e modi, mi imbatto in un articolo, molto lusinghiero nei suoi confronti, che mi occupa però per parecchio tempo. Il perché lo capirete – e no, non è solo perché il mio inglese è meno brillante del mio francese. E’ che da quell’articolo mi si è aperto un mondo di informazioni (ok, quasi tutte in inglese…)!

Il titolo dell’articolo (che trovate qui) recita all’incirca così: “La gente del Colorado sa come torturare un artista”. E perché mai la gente del Colorado dovrebbe farlo?

Prima scoperta: vengo a sapere che le opere di Christo sono sempre state accompagnate da fortissime contestazioni popolari.

3de53c9557544b50befac791666bb5c5.jpgL’opera “The gates”, ad esempio, è stata realizzata da Christo, a New York, nel 2005. L’artista ha fatto collocare 7500 porte arancioni, in vinile, nel mezzo di Central Park, che “somigliano a un fiume color zafferano, e le persone che attraversano a piedi queste porte monumentali hanno l’impressione di trovarsi un soffitto dorato sopra la testa” (dal catalogo dell’editore Taschen, qui).

Quello che non viene sottolineato più di tanto, e che invece è ben raccontato nel reportage “The passion of the Christos“, è il fatto che l’opera è stata bocciata dalla città di New York nel 1981, che molti abitanti l’hanno aspramente criticata e che i responsabili del parco si sono opposti per 24 anni. Futili motivi, sindrome da bastian contrario? Non proprio: per lo snaturamento del panorama, uno dei simboli della grande mela, per il rischio per i ciclisti e i visitatori, per l'”invasività” dell’opera e, soprattutto, per i 15.000 buchi nel terreno necessari alle porte. Molti hanno suggerito zone meno “delicate” come alternativa, ma Jeanne-Claude, la compagna di una vita di Christo, ha risposto in modo sprezzante (e a mio parere rivelatore della logica della coppia: loro scelgono, loro vogliono, e alla terra, che a differenza della donna non ha possibilità di esprimere dissenso, non resta che soccombere): “Did you marry the lady you wanted or did you marry an alternative woman?”.

Per la cronaca: nel reportage citato, si riferisce che la defunta J.Claude era divenuta famigerata negli USA come compagna del “tizio che incarta tutto” (sic), ma soprattutto per il suo, diciamo così, “temperamento”. Era unanimemente considerata pushy – invadente e ambiziosa. Testimoni raccontano che pressasse Christo a fare più bozzetti, a fare progetti più grandi, a sfruttare maggiormente le leve del marketing: l’arte deve anzitutto rendere – suscitando sublimi emozioni, off course.

Comunque, dopo quasi 25 anni e migliaia di richieste alla città  (41 solo nel 1981, tanto che la rivista “Rolling Stone” pubblicherà un articolo che ridicolizza gli sforzi di Christo di convincere New Yor), la coppia Christo + Jeanne-Claude ha ottenuto l’autorizzazione. Ma persino i collaboratori hanno cercato di dissuadere l’artista – nemmeno con l’approvazione dell’amministrazione Bloomberg sarebbero state risolvibili le quesioni delle buche e della sicurezza. Solo contrattando con l’artista si riuscì ad arrivare alla soluzione del vinile, e di evitare qualsiasi buca.

Da questo racconto traggo una seconda scoperta: l’insistenza degli artisti, la loro irremovibilità nel considerare alternative, sembra essere uno dei fattori che irrita maggiormente i locali.

E’ impossibile sapere se questa insistenza sia o meno motivata da una presunzione di superiorità – fatto sta che Christo sembra non avere idea di cosa sia la vita delle persone normali. Per lui sembra esistere solo la sua arte. Perché mi azzardo a dare un simile giudizio?

Due abitanti di Montisola mi hanno raccontato di essere riuscite ad intrufolarsi ad un incontro “per la popolazione” fra le fila di autorità e stampa, e che in quell’occasione un residente ha azzardato una domanda a Christo: “Ma secondo lei…in quelle due settimane noi che abbiamo piccole attività, come dovremmo organizzarci? Con i clienti abituali che non riusciranno a venire, con gli ingorghi…”. Christo, senza ombra di ironia o provocazione, ha risposto: “Beh, chiudete e andate in vacanza!”

Alla luce di questa frase reale, la dichiarazione ad un giornale pare quasi un presa per i fondelli: “I primi a cui ho pensato sono i 2mila abitanti di Montisola, molti dei quali ogni giorno per andare a lavorare devono superare la barriera dell’acqua. Ho pensato di fare loro un regalo, e per 14 giorni permettere di vincere l’acqua camminandoci sopra”. Insieme ad altre decine di migliaia di persone: gli abitanti, sicuramente, ringraziano.

La terza scoperta che faccio leggendo in giro è la più sgradevole:  ci sono problemi di sicurezza, sempre, con questo genere di istallazioni.

Nel 1991 uno dei 3100 grandi ombrelli dell’opera “Umbrellas”, allestita in contemporanea in California e in Giappone, si staccò, ferendo diverse persone nel pubblico ed uccidendo una donna di 33 anni, Lori Mae Matthew. Il sito dell’artista, alla pagina dedicata a quest’opera, non riporta nulla dell’accaduto. Né riporta della seconda vittima dell’istallazione: il cinquantunenne Masaaki Nakamura morì folgorato, mentre lavorava alla rimozione di uno degli elementi dell’opera.

“Ombrelli killer! Mirabile!” esclama Homer Simpson nella 19esima puntata della decima stagione della serie, parlando proprio di “Umbrellas”: Christo è entrato definitivamente nella pop art e ciò significa anzitutto che in America lo conoscono bene. In Italia, non sembra.862d81ae-32fc-41dc-9eca-809000bd5f3e

Comunque, anche se tutte le opere di Christo sembrano essere accompagnate da proteste, da “Running fence” a “Surrounded Islands“, vorrei prendere ad esempio proprio “Over the River”, l’opera di cui parla il lusinghiero articolo di cui vi parlavo.


I BUZZURRI DEL COLORADO…

Christo sta combattendo da più di 20 anni per realizzare un serpentone di circa 11 chilometri, in materiale metallico e riflettende, che dovrebbe stendersi in sospensione sul fiume Arkansas. Ray Mark Rinaldi, il giornalista autore del pezzo, non usa mezzi termini per raccontare l’opposizione che tale opera ha suscitato nella comunità locale – e credo proprio che l’utilizzo di simili tinte forti dovrebbero allertare immediatamente anche il senso critico più asfittico…insomma, non può essere tutto così bianco/nero!

For 23 years, people here have been tormenting the legendary Christo, brutally and systematically bullying him, in hopes of interrupting his plan to cover portions of the Arkansas River with billowy fabric.

Per 23 anni, la gente ha tormentato il leggendario Cristo, bullizzandolo brutalmente e sistematicamente, nella speranza di bloccare il suo progetto di coprire una parte del fiume Arkansas con un tessuto ondulato.

Il giornalista continua: gli abitanti sono stati rudi, hanno preso in giro l’accento di Christo, l’hanno sottoposto “all’equivalente burocratico del waterboarding”, l’hanno trattato come uno straniero – cosa che non è, sottolinea l’autore, anche se io immagino che il confine della “stranierità” non sia legato tanto al passaporto di una nazione, quanto all’appartenenza ad una comunità…Certo prendere in giro qualcuno per com’è non è mai una bella cosa, c’è bisogno di dirlo? Il punto però è: cosa c’è in ballo? Se in ballo c’è il destino di un’intera vallata, il rispetto che si dovrebbe a Christo, come a qualsiasi altro essere umano, può essere il punto maggiore e centrale dello scontro?

Rinaldi accusa gli abitanti di aver obbligato Christo a spendere un sacco di soldi per studi ambientali e di averlo trascinato in infinite lungaggini burocratiche e legali. Ma questi buzzurri del Colorado si sono spinti addirittura a criticare la sua arte…

…reminding journalists and elected officials repeatedly that they are too unsophisticated to actually understand his work, which is a polite, Colorado way of saying they think it sucks.

…ricordando ai giornalisti e ai funzionari, ripetutamente, che essi sono troppo grezzi per comprendere attualmente la sua arte, il che è l’educato modo tipico del Colorado di dire che pensano faccia schifo.

E in questo tremendo Colorado non c’è solo gente genericamente truzza. Ci sono anche quei cacacazzi degli ambientalisti – sfacciati, ingrati! Protestano proprio contro di lui, quel Christo che devolve 87.000 dollari l’anno per la tutela della pecora delle Montagne Rocciose…

E di soldi la coppia Christo – Jeanne Claude ne spende e spande davvero molti, in favore delle comunità coinvolte, dell’ambiente, per lo smaltimento dei materiali usati. Centinaia di migliaia di dollari, mica bruscolini.

E allora, quarta scoperta: l’insistenza sui soldi (e l’atteggiamento soprattutto della defunta moglie, ben riassunta dalla frase sprezzante “Keep in mind that the money we spend is our money”) non aiuta a calmare gli animi degli oppositori. Anzi. queste pressioni economiche risultano, a molte comunità, ancora più indigeste: una bustarella nel migliore dei casi, una minaccia nel peggiore.

In un lungo, interessante reportage dello “Smithsonian”, un magazine di Washington, su “The Floating Piers”, si riportano molte interviste, confidenze, discorsi di Christo. In particolare, mi ha colpita l’ottusità di Christo riguardo al mondo reale (pare non avere proprio idea, o non interessarsi, di come siano la vita altrui, il lavoro, le esigenze di spostamento…) e la sua solida convinzione che l’unico “problema” siano i soldi. E quelli ce li mette lui – ma anche questo non è del tutto vero. Comunque nessuno scrupolo, nessuna preoccupazione per le conseguenze reali sulle persone reali – anzi, l’artista è indispettito che lo facciano aspettare tanto, quei pigroni della Prefettura di Brescia:

Why do they wait? What do they have to do? Nothing. Nothing. They just have to agree to it. Just have to say yes. They don’t even have to pay for anything. We pay for everything.

Perché loro aspettano? Che cos’hanno da fare? Niente. Niente. Loro devono solo approvarlo [il progetto The Floating Piers]. Devono solo dire sì. Non devono nemmeno pagare nulla. Noi paghiamo per tutto.

Comunque, per tornare in Usa, per il giornalista del “Denver Post” tutto si riduce a nobile vittima e gretti persecutori: “Morirà prima [della realizzazione dell’opera], che è ciò che succede spesso durante una tortura”. E se questa è l’ottica irremovibile, assunta già prima di accostarsi ai fatti, è chiaro che qualsiasi dato aggiunto a narrazione in corso sarà letto in obbligata coerenza a questa prospettiva: il fatto che in più di 50 anni Christo abbia realizzato 22 opere, ma abbia ricevuto un rifiuto per altre 37, è automaticamente, immediatamente raccontato come una violazione insensata della libertà, del diritto dell’artista di creare. Un paradosso, uno di quei controsensi così ingiusti dovuti alla cattiveria, alla grettezza del genere umano: Christo avrebbe la magnanimità di lasciar cadere su di noi la sua arte, ma noi siamo gretti e gli sputiamo in faccia.

A me, invece, quel dato fa sorgere domande – non ho niente contro Christo, ma non è più naturale chiedersi, almeno chiedersi: accidenti, per ben 37 volte gli è stato negato il permesso di procedere…perché?

Ray Mark Rinaldi sostiene che la tortura ventennale di “Over the River” riveli un atteggiamento “anti-artistico” tipicamente americano, dovuto all’idea primitiva che la Natura sia il capo e i grandi artisti individui sospetti – forse non c’è, in questo atteggiamento, nemmeno un sano istinto anti-classista, ma di certo, invece, la chiusa del giornalista puzza snobismo nauseante lontano mille miglia.

“Culture is forced to defend itself in the newest part of the New World”.

“La cultura è obbligata a difendersi da sola nella parte nuova del Nuovo Mondo”.


…E GLI ARTISTICI ITALIANI

La conclusione dell’articolo che ha dato avvio alla mia ricerca, e fatto un po’ da filo rosso, mi riporta a casa mia. Sentite cosa scrive il giornalista americano:

The extent of that is something everyone can learn by looking at Italy. Next summer, Christo will cover portions of Lake Iseo in the Lombardy region with a bright orange, fabric bridge, a project he is calling “The Floating Piers.” Visitors will walk along a 2-mile path, hopping from the mainland to various islands. Traffic will snarl, and productivity will halt as the streets shut down. But the whole project was approved in just 11 months. The Italians — who value artists’ rights enough to put it in their constitution, don’t hassle the creative class. Tourism dollars may be a part of that. So is a tradition going back to Michelangelo.

 

L’entità della cosa [l’atteggiamento anti-artistico del West] è qualcosa che chiunque può capire bene guardando all’Italia. La prossima estate, Christo coprirà un tratto del Lago d’Iseo, nella regione della Lombardia, con un ponte di tessuto luminoso arancione, un progetto chiamato The Floating Piers [il molo galleggiante]. I visitatori cammineranno lungo un itinerario di 2 miglia, saltando dall’isola maggiore a varie isole. Il traffico romberà, e la produttività subirà uno stop dato che le strade saranno chiuse. Ma l’intero progetto è stato approvato in soli 11 mesi. Gli italiani, che considerano i diritti di un artista tanto da inserirli nella loro costituzione, non infastidiscono la categoria. I dollari dei turisti forse hanno un peso. Una tradizione che rimonta a Michelangelo.

Forse vi sentirete lusingati da questo “schizzo” dell’italianità artistica, ma a me si è gelato il sangue. A quanto pare, siamo l’unica comunità che negli ultimi 50 anni, per la sessantina di opere ideate da Christo, non ha posto domande, obiezioni, non ha rimesso nulla in discussione: ambiente, sicurezza, logistica, vita per i locali e le attività, non solo per i turisti. “Come facevamo a dirgli di no? Anzi, non ci ha proprio nemmeno sfiorato l’idea”, chiosa tutto felice quell’utile…sindaco di Iseo che è Venchiarutti.

“The hardest part is getting permission. Everything in the world belongs to somebody”, “La parte più difficile è ottenere il permesso. Tutto nel mondo appartiene a qualcuno”. Così si esprime Christo. E come spesso mi accade ultimamente le parole non hanno un senso unico, nella mia testa: “appartenere” non è solo una brutta parola, non mi evoca solo la proprietà privata bestia nera della lotta comunista…ma mi evoca anche qualcosa di intimo, di familiare. Il mio lago, appunto, è anche mio. Chi può negare il fatto che essendo casualmente, certo senza merito, nata qui, io abbia diritti e doveri di appartenenza, di decisione, di dubbio, diverse da chi arriva da altrove e non può conoscere, da chi viene per visitare, per poco, e poi se ne andrà? Non è un muro, questa appartenenza, ma è il velo dell’identità: noi siamo una comunità, che ci piaccia o no, che ne siamo le pecore nere o meno.

Anch’io, di certo, ho mancato: mi sono interessata tardi, sono stata irresponsabile di questa comunità. E la comunità, magari perché tanti come me si sono disinteressati, o perché avevano paura di sembrare più buzzurri dei buzzurri del Colorado, non ha retto, non ha chiesto, non ha rivendicato l’appartenenza: di chi è questo Lago? Chi lo conosce, chi lo tutela, se non la sua comunità?

D’improvviso mi sale una sorta di rispetto per i presunti buzzurri del Colorado. Perché quello che di principio essi affermano è: noi abbiamo diritto di dire no, e questo no deve contare. Christo non può semplicemente rispondere, ridendo: “Ogni grande artista non accetta compromessi”, o mentire spudoratamente: “Ovunque ci muoviamo c’è qualcuno che ci dà una mano, ci segue, ci aiuta: in caso contrario, rinunciamo al progetto”. Forse ci sarà anche qualche elemento di “chiusura” di base fra gli abitanti dell’Arkansas River, qualche poco nobile pregiudizio, ma deve esserci anche altro, molto altro, per farli resistere di fronte alle lusinghe della notorietà, del denaro, del lavoro.

Vi lascio con le parole degli abitanti del Colorado, non perché sia il modo perfetto di analizzare la questione, non perché gli argomenti e i ragionamenti siano i soli lucidi e razionali – semplicemente: possibile che qui nessuno sia stato minimamente sfiorato anche da qualcosa di vagamente simile?

Chiudo come ho aperto, con i dubbi sulle radici della cosa, dubbi che tutti, con diversi gradi di responsabilità, dovremmo porci: cosa ne sappiamo davvero? Abbiamo fatto tutte le domande? Stiamo facendo il meglio per noi e per la nostra comunità?

Ma che ne sapranno, quei trogloditi in Colorado.

Christo-Arkansas-Rive_Burd.jpg

L’arroganza della cosiddetta comunità artistica trapela perfettamente da questo editoriale. La ragione per cui molti di noi sono contro il progetto è che il presunto valore artistico del medesimo non vale il rischio dell’impatto sulla fauna selvatica e sull’ambiente. Una delle ragioni per cui viviamo in Colorado è che qui abbiamo bellezza naturale attorno a noi in abbondanza, e questa non necessita di essere coperta con una toga oversize per essere una vera opera d’arte.

Il mio rifiuto dell’arte di Christo è totalmente basata sul più che probabile danno ambientale che causerà. Questo progetto di corta durata danneggerà la fauna selvatica di tutti i tipi, non solo le pecore delle Montagne Rocciose. L’opera avrà un impatto anche sulle comunità. Causerà problemi di traffico e aumento dell’inquinamento, e per cosa? Pochi mesi di arte che noi del Colorato apparentemente non siamo sofisticati abbastanza per apprezzare, mentre di certo gli italiani lo sono!

Mr. Rinaldi la smetta subito di usare la parola “burini” per descrivere chi si oppone al progetto di Christo.  Ma sono queste persone così spregevoli come lei suggerisce? Oppure è del tutto possibile che essi sollevino qualche valido punto nelle loro obiezioni?

Non ho per niente simpatia per Christo. Ha immense riserve di soldi, e un ben oliato sistema che lui stesso è anche troppo disposto a usare per imporre la sua volontà agli abitanti della valle del fiume Arkansas, e alle persone del Colorado in genere. La sua cosiddetta arte è un abuso del suolo pubblico.

Se Christo fosse davvero un artista, cesserebbe la sua ostinazione e permetterebbe alla bellezza naturale dei panorami del Colorado di parlare per loro.


 

CONCLUSIONE

Qualche fatto, dalla mia indagine, è certamente emerso: tanti, tantissimi soldi; precedenti di incidenti anche mortali, contestazioni, multe per mancati permessi, un artista testardo “come l’erba cattiva” e “con un ego gigantesco” (parole dall’entourage di Christo), che non ama confrontarsi più di tanto né sembra occuparsi granché dei locali; la provata amicizia con Beretta, proprietario dell’isola di San Paolo…

A proposito di quest’ultimo argomento, su cui in precedenza mi mancavano informazioni certe, voglio solo citare qualche fonte:

  • In questo video, la nobildonna Umberta Beretta ci racconta che Christo, infastidito dai rifiuti ottenuti altrove, si è “rivolto alla nostra famiglia” per realizzare l’opera sul lago – della serie il Lago non è di chi lo vive, è di tutti i cittadini di questo bel mondo progressista…ma di qualcuno un bel po’ di più.
  • Ancora, qui Christo, dialogando sempre con la sig.ra Beretta, afferma: “The Floating Piers era il progetto al quale Jeanne-Claude e io pensavamo dagli anni ’70 , ma non avevamo mai avuto modo di arrivare alla sua realizzazione. Ce l’abbiamo fatta grazie al vostro contributo“.
  • In quest’altro reportage, alla domanda del giornalista che si chiede come si sia potuto realizzare tutto in così pochi mesi, non essendo la burocrazia italiana nota per la sua rapidità, Christo risponde pacificamente: “Yes, but I have good friends in Italy, I knew I would be able to count on them”.
  • E ancora, qui: “A far da tramite fra l’artista bulgaro-newyorkese e le autorità competenti sul Sebino s’è prestato l’imprenditore bresciano con casa a New York Franco Beretta, proprietario dell’isoletta di San Paolo, che sarà inclusa nell’installazione galleggiante”. D’altronde, come un lettore commenta: “da quelle parti “non si muove foglia che Beretta non voglia”.
  • Se ancora sussistessero dubbio, pacificamente Cristo dichiara: “la famiglia Beretta ci ha aiutato ad ottenere i permessi. Sul lago d’Iseo lavorano tutti anche il sabato: hanno autorizzato tutto subito”.

Capite insomma che qui non ci stiamo preoccupando o disquisendo di concetti astratti: il fatto è che la mancanza totale di democraticità, di reciprocità, di dialogo in questi prodromi porterà per forza a decisioni “arbitrarie”, inconsapevoli e disinteressate ad altro che allo show, al ritorno d’immagine ed economico – e in quanto tali pericolose.

Magari andrà bene, ma non c’è controllo, non c’è la minima garanzia e di solito, e non è cinismo ma realismo, quando non c’è possibilità di controllo le cose tendono “naturalmente” ad andare al mulino di chi ha più soldi e più potere, mentre qualsiasi esigenza di chi non si è espresso, di chi non è stato considerato né ha saputo farsi considerare, diventa sacrificabile. Anche la sicurezza, anche il futuro economico della maggioranza, anche l’ambiente.


 

AGGIORNAMENTO [MAGGIO 2016]

In meno di una settimana, questo articolo ha avuto 10.213 visualizzazioni e più di 80 commenti. Spero che qualche dubbio sia emerso, e ci tengo a ribadire che:

I. Non demonizzo Christo: mi interrogo solo sulle sue modalità di rapportarsi al mondo che lo circonda, e alle popolazioni locali in particolar modo.
Ad esempio, in un’intervista su “Art Tribune”, alla domanda “Quando lavora per ottenere le autorizzazioni, che livello di compromesso accetta?”, Christo risponde:
Nessun compromesso. Per quanto riguarda i lavori sul paesaggio, se ci sono dei compromessi da fare decido di cambiare luogo.
Oltre che assurdamente testardo, Christo non è nemmeno poi tanto sincero, come testimoniano i decenni di battaglie per ottenere i permesso di fare 15.000 buche a Central Park (progetto poi realizzato, accettando appunto un compromesso e rinunciando alle buche per “The Gates”), o il più che ventennio di battaglie in Colorado, per “Over the River”. Questi fatti mi fanno pensare che Christo rifiuta non i compromessi, ma un qualsiasi “no”. D’altronde, la sua compagna di una vita, e di lavoro, “ha sempre voluto che portassimo avanti The Floating Piers nonostante non arrivassero i permessi
Alla domanda precisa, Come sta reagendo a questo progetto la comunità lacustre?, ecco come risponde:
Non siamo interessanti alla partecipazione indotta delle persone nelle nostre opere. Non è questo il punto. Il nostro contatto con la comunità è limitato al fatto che abbiamo bisogno di ottenere le autorizzazioni. Per questo dialoghiamo con le autorità locali.
Sembra che Christo proprio non riesca a concepire le persone reali come identità portatrici di bisogni, di opinioni, di utili informazioni, e figurarsi di dissenso rispetto alla sua opera – opinioni e eventuale dissenso che avrebbe il dovere, in quanto ospite di quella comunità, di indagare, accogliere, considerare, immettere in un dialogo che porti a compromessi e soluzioni. Ma niente, i locali non esistono; partecipino o meno, non importa – quel che possono fare è: le sagome, i fruitori entusiasti. Altro ruolo non c’è.
Però Jean Claude diceva sempre: stiamo prendendo in prestito uno spazio pubblico, sia esso un panorama rurale o urbano. Prendendo in prestito questo spazio ereditiamo tutti gli elementi che compongono la realtà di questo luogo. È inevitabile quindi coinvolgere le persone che questo spazio lo vivono quotidianamente, fisicamente.
 A casa mia, un prestito ha bisogno di un’autorizzazione – e non intendo quella ufficiale, che si può ottenere in mille modi quando si è ricchi potenti e ben introdotti, ma quella ottenuta coinvolgendo, ascoltando, rispondendo alla comunità locale, che non è, accidenti, un fastidio inevitabile, queste noiose persone che esistono addirittura fisicamente! Altrimenti la cosa ha un altro nome, ed è esproprio.
Comunque, il punto è: perché facciamo così fatica a dibattere, a dubitare, semplicemente? Ho trovato decine di articoli e commenti inglesi, americani e francesi che mettono in discussione l’arte di Christo, le sue modalità. Ma niente in italiano: di Christo possiamo solo essere acriticamente entusiasti?
Per chiudere questo lato della faccenda, ecco un interessante articolo in cui ci s’interroga proprio sul rapporto fra arte, business e spazio pubblico. Il giornalista rileva che, per realizzare “The gates”, viene messo in piedi un “organismo” che privatizza di fatto quello spazio pubblico. Tale comitato è finanziato e diretto da gente non proprio comune: Bloomberg (il sindaco di allora), J.P. Morgan Chase, Citigroup, Consolidated Edison, ABC, Prudential, Goldman Sachs, Martha Stewart Living, NY Stock Exchange Foundation…pare il summit del male, accidenti. E il giornalista continua:
I have no objection to the general idea, nor do I object to the careful use of Central Park that has been made by this project. But, as I say, I am concerned about the uncritical adoration. What we have heard from Christo/Jeanne-Claude is contentless claptrap: art is art; we have no purpose; we do this for ourselves and don’t care whether other people like it; etc.
La rimessa in discussione non è un pranzo di gala – io in questo blog vengo tacciata di pessimismo cosmico, volontà di farmi pubblicità, stupidità, chiusura mentale perché faccio domande, figuriamoci cosa scatenerei se scrivessi che Christo dice fandonie; che le sue opere sono solo whimsicality, capricciosità; che le sue istallazioni non fanno che peggiorare la “turistizzazione” selvaggia e senza criterio…o se mi permettessi una parodia simile!
II. Io non svaluto il ruolo dell’arte, tantomeno della LandArt. Non è questo il punto del mio articolo, né etichettare se quella di Christo sia o meno arte.
Comunque, mi è venuta una certa curiosità quando il prof. Buncuga, che insegna da anni al liceo di Brescia che frequentai, ha severamente valutato l’approccio di Christo alle questioni artistiche, culturali, etiche:
Io, per mestiere, conosco bene la famigerata coppia. Dopo gli inizi di rottura di Christo e dei suoi impacchettamenti di oggetti che lo avvicineranno alla pratica di contestazione del Nouveau Realisme e lo porteranno a confluire nelle esperienze della Land Art , il sodalizio con Jeanne-Claude e la sua prevalenza organizzativa lentamente trasformeranno il duo in una solida impresa finalizzata al Bussines.
Un solido capitale, un ‘brand’ riconoscibile ed una capacità organizzativa finalizzata a rastrellare sponsor, unite ad una buona abitudine e ‘frequentare quelli che contano’ trasformeranno presto il duo in una delle più attive multinazionali nel campo dell’arte contemporanea. E contemporaneamente ovviamente ad allontanarli sempre più dalle esperienze più interessanti di questi ultimi anni costringendoli a ripetere ossessivamente una formula che nata ecologista e innovativa all”interno della Land Art dei primi ’70 si è ribaltata in un narcisistico gigantismo spesso fortemente invasivo del territorio. Le dimensioni contano, soprattutto perché aiutano a movimentare grandi capitali. Solo a Brescia si poteva recuperare Christo come qualcosa di nuovo e originale vista la diffusa ignoranza di cosa sia mai successo nell’arte dopo l’Impressionismo anche presso gli intellettuali e gli operatori culturali locali. Chissà perché a Brescia si riescono a creare ‘eventi’ solo con idee e personaggi stracotti da decenni.
Io so davvero poco di arte contemporanea, e proprio per questo vorrei capire come, da arte per la terra, quella di Christo sia diventata un’arte che piega la terra, che crede che la terra sia la sua tela, a qualsiasi costo.
Da mesi, qui, Christo viene descritto unicamente come un grande artista innovativo, un genio mondiale, che fa arte ecologica, arte ambientale, ma è evidente che qualche dubbio può sussistere. Oltre al commento citato, mi è stato segnalato questo contributo del pittore e scultore Enrico Baj:13148021_10153483515491960_409206374_o.jpg
Inoltre, dalle risposte di Christo (non cercate di dare un significato alla mia opera, vivete l’esperienza, sarà un’esperienza sexy…), la sua mi pare davvero l’apoteosi dell’arte totalmente allineata e funzionale al capitalismo consumistico.
Infatti non pone dubbi, non suscita “conflitti” interiori, né rimessa in discussione; propone un’esperienza da consumare, proprio come si consuma un prodotto; ci illude di essere protagonisti, quando alla fine non siamo altro che comparse, necessarie, sì, ma solo in quanto corpi, sagome, non certo in quanto identità con cui interagire. Si offre come contenitore vuoto, che necessariamente deve essere vuoto per poter essere riempito da qualsiasi valore, “emozione superficiale”, proiezione chiunque voglia metterci. Fiumi di selfie per mostrare quanto siamo stati protagonisti della grande opera, e ce ne torneremo a casa uguali a prima, pacifici, anzi con meno dubbi, più “emozioni superficiali”, più sicumera, e più stupidità.
Se non c’è prezzo del biglietto, questo non significa che la fruizione sia gratuita: il prezzo pagato (tralasciando i soldi sonanti che comunque, in barba alla rassicurazione americana “paghiamo tutto noi”, la Regione tirerà fuori) è il congelamento del senso critico, è l’accettazione della fruizione passiva ed entusiastica come unica reazione possibile.
Quando parlo di senso critico, è importante precisarlo, non intendo la criticomania spicciola, ma appunto la critica delle ragioni, delle modalità, delle responsabilità di qualsiasi opera così grande, che si vuole così “alta”, rispetto al reale.
Ma Christo non vuole responsabilità – se ne lava le mani, effettivamente, del reale (e curiosamente, parlando di arte torniamo al discorso iniziale sul rapporto con la comunità). Christo si lava le mani dei commercianti di Monteisola, dei buzzurri del Colorado, degli uccelli schiantatisi in massa contro il grande tendone durato appena qualche giorno, delle noiose buche a Central Park. Se gli chiedono perché fa arte, risponde che è perché “gli esseri umani amano trovarsi davanti a qualcosa di tanto gratuito, inutile, superfluo e libero […]. Perché dovrei avere sempre un motivo per fare qualcosa? […] È necessario per me. […] È questa la vera essenza di tutto il mio lavoro. Per cinquant’anni abbiamo fatto progetti che non esistono più, ma che hanno rappresentato un enorme bisogno fisico”.
Come dice un mio grande amico di Napoli, l’arte però non è un conato, ragazzi! – l’arte “deve” avere un significato, anche la fatica di trovarlo, anche la bellezza e la sua funzione, proprio perché altrimenti non “serve”. L’arte deve servire il reale, in qualsiasi modo – il migliore, a mio parere, è creando dubbi su di esso per capirlo e, grado superiore, ipotizzare di trasformarlo, immaginarlo diverso, migliore.
Ma è Christo stesso ad affermare: “Il successo inteso se un’opera piace o no alle persone non è misurabile, invece è definibile il numero di persone che visita il progetto”. In parole povere: l’arte che suscita dibattito, contrarietà e pareri differenti è incerta, troppo complessa – meglio passare ad un’arte quantitativa, facile da misurare, desumendone che se, con mosse di marketing e flash comunicativi, otteniamo che molti visitino un’opera, questa è di certo arte di successo. Misurabile, significa monetizzabile, no? Altro che “la mia arte non è commerciale”: non dev’esserlo per i negozietti di Montisola, dalle cui finestre un Christo al massimo dell’arroganza ha strappato le innocue locandine pubblicitarie, mentre per lui, semplicemente, deve rendere ameno il sestuplo della spesa.
Insomma: personalmente non ho un bisogno vitale di etichettare come arte o meno quella di Christo, ma mi chiedo solo, e non in senso utilitaristico, a cosa serve, in che modo serve il reale. Piuttosto, mi pare che si disinteressi e deresponsabilizzi rispetto al reale, e lo usi, e lo pieghi per scopi di semplice edonismo, di sfida come dice Christo stesso, le cui parole finiscono per sembrarmi oziose, inquietanti.
III.
Non boicotterò l’opera, come qualcuno mi ha chiesto. Non farò campagna anti-Christo (…). Non mi schiererò a priori contro l’opera. Ma andrò avanti a rilevare le gigantesche pressioni, le sconvenienti modalità d’azione, le risposte irrispettose che Christo ha dato o non ha dato alla gente comune. Non per mitizzare la gente comune, ma perché questa è reale, c’è, appartiene al lago e il lago le appartiene – eppure, a meno che queste persone non fossero a capo di grandi aziende, non sono state considerate. I dubbi, i fatti su questi aspetti non li mollerò, e questo articolo, i commenti saranno sempre aperti a chi questo vuol fare: dubitare, interrogarsi, riflettere sul grande evento che sta per investirci.

AGGIORNAMENTO [03 GIUGNO 2016]
Per esprimere la ragionevolezza emotiva che compartecipa alle considerazioni di questo post, ho scritto un articolo: Il lago, vero.

AGGIORNAMENTO [10 GIUGNO 2016]
In questi giorni sono stata contattata da giornalisti e testate locali – merito del mio articolo, forse il primo che si sia posto in modo semplicemente “critico”, ossia dubbioso, riguardo alla grande opera dell’anno, ma anche dei commenti, dell’interesse dei lettori. E del fatto che, per fortuna, di persone in grado di sviluppare un dibattito critico ne esistano ancora molte – o forse, a voler essere cinici, alcuni fatti sono troppo grossi da essere “neutralizzati”, persino dalla comunicazione dell’era del pensiero unico.
Si moltiplicano, in ogni caso, gli articoli che sollevano dubbi su vari aspetti relativi a The Floating Piers, o che semplicemente riportano problematiche prima ignorate. In questo aggiornamento ne cito alcuni, per argomenti:
  1. PROBLEMI LEGALI: sul “Corriere della Sera”, inserto Brescia, è uscita la notizia che Christo è stato multato da Ispettorato del lavoro e Asl. Motivo? Mancato rispetto delle condizioni contrattuali in materia di lavoro: i sommozzatori francesi che stanno posizionando gli ancoraggi della passerella non hanno partita IVA. Ossia: lavorano in nero.
  2. IL BUSINESSELL’ARTE: anche in questo caso l’articolo è piuttosto neutro. Sono io che mi permetto di rilevare il corto circuito comunicativo messo in atto dall’artista, forse grazie / per colpa della griglia di analisi offertami dalla lettura, che sto completando in questi giorni, de “L’uomo a una dimensione” di Marcuse. “L’arte è business e rende liberi”: un bell’esempio di non-lingua! Ricordate?, in “1984” di Orwell: la pace è guerra, l’ignoranza è forza. Christo infatti non nasconde la soddisfazione di venir studiato come “caso esemplare” nelle scuole di business, e racconta ben volentieri la sua “leggenda” piena di luoghi comuni capaci di colpire l’immaginario generalista e bianco/nero del pubblico, anzi, meglio dei “consumatori di esperienze artistiche”. L’artista bulgaro è fuggito in Occidente per essere “uomo libero” (e non ha alcun pudore a identificare, con semplificazione e banalizzazione disarmante, questa libertà nel “fare ciò che desidero”); ha studiato, sì, il marxismo, tanto bene che chiaramente per la sua arte ha preferito “sfruttare il capitalismo”. Un businessman agguerrito, e molto abile a vendersi, solitamente, come l’opposto – nella comunicazione egli si pone come artista progressista, ecologista (e lo era agli inizi, ma appunto parliamo di immagine), modesto e dismesso, vestito da pensionato americano, che ama fare “arte gratuita” e sottolinea che paga tutto lui (i materiali, i lavoratori tra l’altro nella forma più taccagna e malprotetta possibile, ossia i voucher, ma non certo i costi collaterali…). Ma poi ammette che non si muove per un’opera se questa non gli frutta almeno sei volte tanto, e che la sicurezza è importante, sì, ma il sorvolo dell’opera sarà vietato più che altro per proteggerne il copyright. Qualcuno, come sempre, commenterà che non c’è niente di male a guadagnare dall’arte – è un discorso complesso, e io mi limito solo a rilevare la dicotomia fra comunicazione e realtà, a mettere in luce le crepe di una narrazione che si vuole coerente (una storia di arte pura, invenzione, ecologia, partecipazione e generosità) e che è invece oggettivamente maliziosa: arte impattante, arte mastodontica, arte calata dall’alto e imposta senza considerare le comunità locali, arte da consumare, arte che annienta il senso critico, senza significato se non l’emozione superficiale, arte che si dà perché frutta e sfrutta un territorio senza nemmeno chiedere permesso.
  3. SICUREZZA. Su vari articoli cominciano (a una settimana dall’opera o poco più…) a comparire le prime esternazioni di preoccupazione. L’assessore regionale alla Protezione Civile Bordonali accenna solo di sfuggita ad un fatto, invece, molto grave, e che circolava ufficiosamente già da un po’ nelle vie di Sulzano: la società di Christo non ha stipulato che pochi giorni fa una convenzione con la Protezione Civile. In pratica, fino a l’altro ieri la Protezione Civile era in alto mare – non certo per ozio, ma perché non coadiuvata e affiancata dalla “The Floating Piers Srl”. L’assessore comunque assicura che prima di tutto verrà garantita la sicurezza di turisti e…wow, finalmente compaiono gli outsiders di tutta la storia: i residenti! Certo, “dovranno subire qualche disagio” – ma i residenti non sono così stupidi come molti paiono credere, e non si fanno insacchettare facilmente dal falso discorso dei “piccoli disagi”: l’accesso ai rifornimenti alimentari e di acqua (Montisola non ha fonti d’acqua, per chi non lo sapesse), la garanzia della salute, il diritto al lavoro, il diritto al movimento,  non sono privilegi, ma diritti primari. Pretendere che vengano prima di qualsiasi altra cosa, anche del profitto di alcuni o molti, non è ozioso, un vezzo da egoisti: niente vale la messa a rischio di queste cose. E questi aspetti avrebbero dovuto essere affrontati prima, mesi fa, e “alla pari”, seduti ad un tavolo con residenti, lavoratori, pendolari, non predeterminati e calati dall’alto. Ma sto divagando. Bordonali garantisce che tutto è previsto, che il sistema è pronto, e che se necessario verrà bloccato l’accesso all’opera – lo spero bene, perché se conoscete i paesi del Lago sapete che stanno incastrati tra lago e monti, e che le vie sono larghe due metri. Anche il prefetto Valenti non nega le criticità, ma sembra occupato soprattutto a vestire i panni dell’uomo coraggioso: «Io non ho il potere di dire di sì o di no. Ho raccolto la richiesta dei sindaci del Sebino che si sono resi conto che la complessità dell’organizzazione richiedeva un coordinamento statale. A settembre-ottobre la macchina stava correndo a velocità folle. A quel punto cosa dovevo fare: bloccare i motori? Non fatico a dire che tanti miei colleghi si sarebbero sfilati. Io sono orientato al fare: non me ne sono lavato le mani, sapendo che se va bene non riceverò applausi, e se ci saranno problemi chiederanno conto a me». “Bloccare i motori”, “Sono orientato al fare”, “non me ne sono lavato le mani”: una lingua di luoghi comuni, generalista, abbacinante…per dire, ma nascondere, o nascondere dicendo, che si tratta di un evento mastodontico, problematico, insostenibile per un territorio come il nostro. [nb: le “migliorie alla stazione di Sulzano”, di cui parla il prefetto, sono consistite in DUE panchine in più all’estero, nella rimozione delle panchine interne alla stanzettina 4×4, non presidiata, che costituisce la stazione medesima, alla verniciatura dei muri interni, alla stesura del tappeto giallo evocante la passerella, già reso una palude puzzolente dalle piogge di questi giorni, all’attacchinaggio di poster relativi all’opera).
  4. COSTI: io ho i miei limiti…ma in questo frangente si sfora i dell’assurdo. Dall’articolo su “Qui Brescia” sembra che il costo totale dell’evento si aggiri sui 15 milioni di euro, di cui 3 coperti dalla Regione – “The Floating Piers Srl” contribuisce, a quest’ultima cifra, con 900.000 euro…ma Maroni stanzia 1 milione per la società stessa! A casa mia significa che, comunque, 3 miliardi circa sono a carico nostro. Di palese ci sono gli aumenti dei traghetti: “un aumento medio delle tariffe del 30% sugli abbonamenti annuali per non residenti, del 45% sui mensili per studenti residenti e del 10% sui biglietti ordinari delle tratte più utilizzate”.
  5. QUALE SVILUPPO? L’argomento dello “sviluppo economico” viene sbattuto, dai sostenitori acritici dell’opera, come dogma-tombale su qualsiasi discussione. Ma c’è sviluppo e sviluppo, turismo e turismo. Un turismo mordi e fuggi, di famelici consumatori di esperienza artistica, come si sa, serve a pochi e nuoce a molti, perché un territorio va rispettato per quello che è, con le sue realtà locali, le unicità, le complessità da capire, non trasformato in una “Gardaland” uguale ad altre ad uso del povero idiota “straniero” da spennare. In questo bel video di Legambiente, alcuni locali commentano le criticità dell’opera rispetto ad un’idea altra di sviluppo economico (mica al “restiamo all’età della pietra”).
  6. QUALE ARTE? Anche questo è un discorso complesso, che ho solo accennato e solo per il lato socio-politico, ossia di arte-prodotto della società capitalista. Ho citato sopra un paio di valutazioni di esperti del campo, e trovo oggi questo articolo dello storico Mimmo Franzinelli, e ne riporto la conclusione: “Invece di impostare una politica di rispetto e valorizzazione del territorio, ci muoviamo nel regno dell’effimero, speranzosi che una furbata d’artista produca tanto marketing. Quando, a bocce ferme, si trarrà il bilancio complessivo di questo miracolo laico, si rifletterà magari sul senso delle bocciature che il progetto Floating Piers aveva incontrato, prima dell’entusiastica accettazione sebina. E si potrà valutare il reale lascito di un esperimento che poco o nulla ha di artistico, ma che appare – a chi lo osservi con occhi disincantati – uno sfregio al paesaggio naturale: una trovata che rischia di legittimare nell’immaginario collettivo approcci invasivi e violenti del territorio. Entreremo davvero – come tanti profetizzano – nella storia dell’arte, o non piuttosto nel catalogo del Kitsch, per il proverbiale quarto d’ora di celebrità?”

Domande, dubbi, critiche – non dogmi, positivi o (per quanto in questo caso non ci sia rischio) negativi: finalmente!


AGGIORNAMENTI [17 GIUGNO 2016].
Vi scrivo dall’inferno: stanno arrivando i milanesi snob-imbruttiti, che si fanno beffe dell’arretratezza grezza del territorio nel loro slang privo di grammatica cool why not sto posto nome Sulzano?; sono arrivati i cicciones americanos coi cappelli texani, le infradito, le bermuda, lo smartphone che fotografa loro+ogni pezzo di cemento; sono arrivate le cinquantenni trasfigurate dall’afflato artistico e dal fremito dell’emozione.
Ma passiamo al concreto.
  • PERMESSI: ho più volte manifestato la “sorpresa” che Christo, dopo aver collezionato “niet” o trafile di concertazioni e aggiustamenti decennali per realizzare le sue opere (mica per anti-cristismo: è lui che ne mette in piedi mastodontiche e impattanti), abbia potuto qui, in soli 11 mesi, ottenere tutti i permessi e fare tutti gli studi. Et voilà: oltre ad aver evitato qualsiasi concertazione con le parti coinvolte (abitanti, commercianti, pendolari), Christo non è stato esattamente puntiglioso per quanto riguarda ambiente e sicurezza. Legambiente conferma che “l’evento è stato autorizzato senza fare una VIA neppure in forma ridotta”. Cioè: non è stata eseguita nemmeno una minima valutazione di impatto ambientale per l’enorme passerella, per i blocchi di cemento, per il carico di traffico dei prossimi giorni. Ed è di 20 ore fa l’articolo su “Il fatto Quotidiano” dal titolo “L’opera di Christo non ha ancora ok della commissione di vigilanza: “Piani sicurezza non completi”. Solo un breve estratto: “I piani operativi e di sicurezza presentati per The Floating Piers alla commissione di vigilanza fino a pochi giorni fa non erano completi. La preoccupazione principale riguarda la gestione delle emergenze dovute al maltempo, che sul lago d’Iseo può prendere la forma di un temporale chiamato Sarneghera, che compare all’improvviso e in pochi minuti inghiotte il lago nel fronte di tempesta”. Per finire, per il lavoro dei 600 fortunati a cui Christo ha dato lavoro (pagato coi voucher) non è stata eseguita nemmeno una valutazione dei rischi. Non esattamente “seghe mentali”, insomma.
  • ARTE: due parole da Philippe Daverio, qui. Riporto solo due passaggi: “L’arte è qualcosa di diverso, è altra cosa. Qui manca l’ambiguità e la complessità dell’arte vera, oltre alla ripetibilità. Uno ascolta duecento volte la fuga di Bach o ammira per centinaia di volte il Davide di Michelangelo e ogni volta percepisce una nuova sensazione. Se uno invece salisse per duecento volte sulla passerella di Christo entrerebbe nella categoria dei cretini”. E ancora: “Gli americani pensano che le sue opere siano arte. Ed è vero, inizialmente le sue erano delle vere provocazioni, poi si è chiuso su se stesso ed è diventato ripetitivo, non ha saputo innovarsi, evolvere. È come se Pablo Picasso avesse dipinto per tutta la vita ‘Les demoiselles d’Avignon’. Con questo non dico che disprezzo l’arte contemporanea, anzi. Tornando alla passerella sul lago d’Iseo è da catalogare come un fenomeno da fiera dei miracoli. […] Resta un fenomeno e non un’opera d’arte. Per promuovere il turismo serve un lungo lavoro di comunicazione e di promozione, è una cosa più complicata. Questa è una promozione straordinaria, avranno successo solo gli ambulanti di bibite e panini. Purtroppo sul territorio rimarrà ben poco”.
  • ARTE E SOCIETA’: per non appesantire questo articolo, ho approfondito in quest’altro, “La società delle ‘emozioni’, la rivoluzione dei sentimenti”, il fatto che “The Floating Piers” e le riflessioni al riguardo possano diventare chiavi di comprensione della società attuale in generale.
  • LA BLOGGER: ebbene sì, è successo. Sono stata definita così da un giornale, “L’eco di Bergamo” di oggi. Nell’articolo vengo intervistata da Stefano Serpellini, capace giornalista che ha avuto il merito di ascoltare le mie argomentazioni, di accettare le mie domande, di rimettere in discussione ciò che lui stesso pensava. Ne è uscito un bell’articolo, che se non “mette in difficoltà” Christo, almeno pone un paio di domande critiche. 20160617_124107.jpg
Annunci

128 thoughts on “Christo sul lago: onorati e zitti o liberi di dubitare?

  1. Buon giorno, volutamente non voglio entrare nel merito dell’opera e dell’artista, ma chi ha un genitore anziano che deve quasi quotidianamente andare all’ospedale deve prenotare a proprie spese una ambulanza per evitare il traffico? Saluti

    Mi piace

  2. Non se la prenda con Christo…resusciti Duchamp e gli infili la testa in quel maledetto orinatoio. Inizia tutto da lì, da lì in poi tutto sarà possibile anche chiamare arte effimere installazioni, che non emozionano, non turbano, non fanno pensare o riflettere. Forse fanno divertire, ma allora perché non onorare come artista il progettista del Takabisha, le montagne russe più ripide del mondo ?

    Liked by 1 persona

  3. A me pare che “in nome dell’arte” spesso venga usato ed abusato per dare del troglodita se non di peggio a chi non interessa o non capisce. Questa opera secondo il mio modesto parere potrebbe definirsi più come un’iniziativa ricreativa, pubblicitaria o quel che volete ma sicuramente non rientra nel mio -a quanto pare non solo- canone di arte.

    Liked by 1 persona

  4. Pingback: Radio Onda d'Urto » CHRISTO: BRESCIA NELLA STORIA DELL’ARTE O NEL CATALOGO DEL KITSCH?

  5. Grazie per aver approfondito e sintetizzato per noi lettori una serie di questioni: finalmente sono riuscita a farmi un’idea più completa di tutta la faccenda, che, devo dire sinceramente, all’inizio non ero riuscita a incasellare bene nonostante un istintivo scetticismo. Una perplessità anche dovuta al fatto che alcuni miei conoscenti, che mai si sono dimostrati interessati a qualsivoglia forma d’ arte contemporanea, avessero manifestato l’intenzione di andare sul lago d’Iseo a vedere la passerella….

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...