Imagine che cosa?

Roberto Saviano si aggira fra le fotografie simbolo del 2015.
Non foto in cui il fotografo ‘osserva’, per riprendere proprio Cartier Bresson, citato nella presentazione del programma “Imagine”.
Sono foto che piangono, da mesi – troppo viste per non suscitare un disagio, quasi fossero rubate e rubate ancora e usate per rubare.
Saviano avanza, si avvicina ad un’immagine.
Prende un microfono, e capiamo che da ogni foto scende un microfono.
Cosa vuole dirci, Saviano?
O parleranno le immagini? Non lui?

Il bambino siriano morto…imagine…
Il pianista post-attacchi di Parigi…imagine…
I profughi e il filo spinato…imagine…

E invece no!, accidenti.
No, non immaginerò, non guarderò Saviano non informare sul contesto di queste situazioni, non aiutare queste persone, non mettere in moto un contro-movimento…E non potrà farlo perché nei suoi programmi, nel suo modo di scrivere, nei suoi articoli manca del tutto l’attitudine all’analisi – Saviano sa, Saviano racconta, Saviano illumina principi e virtù, fustiga vizi e figure.
Peccato che, solo per fare un esempio, i giovani non abbiano la minima intenzione di farsi fare la lezione su come ci si comporta in manifestazione, anche perché Saviano dimostra di non saperne nulla…

“Se le chiedessi quali sono le immagini più significative del 2015, un anno complesso, ci penserebbe. Vedendole, invece, tornano subito alla mente”: non pensare, suggerisce Saviano, lasciati suggestionare, immagina!

Eppure è proprio lui a mettere in guardia dalle immagini usate per colpire solo l’emotività (salvo poi abbagliare il lettore citando nella stessa risposta l’Isis, il generale Dalla Chiesa, la Palestina, la Cecenia, il Mozambico e le immancabili donne curde che combattono…chi combattono? No, aspetta, ora Saviano parla dei fratelli rifugiati).

Ma forse ho capito: sono gli altri, i cattivi, a farecattiva informazione, i cattivi usano le immagini per suggestionarci, i cattivi puntano solo a fare share. Saviano no, Saviano fa approfondimento…con la suggestione.

Vi va ancora di immaginare?

 

 

Annunci

One thought on “Imagine che cosa?

  1. Pingback: I nostri 2 minuti d’amore sulla pelle dei bambini – da Il Pedante su emozioni, sentimenti, ragione e politica | CrosScritture

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...