#BEEEEEP – SILENZIO!

Siete su questo post per due ragioni:

  • siete iscritti al sito / per caso ci siete arrivati
  • vi ho postato io il link

Ebbene, nel secondo caso è perché con giudizio insindacabile ho rilevato che non state usando la testa. “Allarme: componente cerebrale assente, impossibile avviare il sistema”, o qualcosa del genere – un enorme #BEEEEEP, dannazione, #BEEEEEP, #BEEEEEP!!!

Tacete accidenti.
“Cioè dovrei stare zitto?!” – SÌ maledizione, sì!
STATE ZITTI, perché non potete aver compreso ciò che è accaduto, perché non si parla di smalto sbeccato o cazzate da svago.
Fermatevi. State fermi. Leggete giornali e siti. Fate attività che stimolino le connessioni neuronali, ca**o: non sono passate neanche 24 ore…e voi chi siete?, Marcuse?, che pensate e capite e sapete già tutto in un nanosecondo?!
Fermi e zitti, per favore. Perché saranno tempi duri e c’è bisogno solo di una cosa: la testa, usata bene, più emozioni, usate bene cioè orientate dalla realtà oggettiva.

Sono anni che mi chiedo per quale strana macumba molte persone pensino sia una violenza chieder loro di tacere, di aspettare, e che viceversa sia un loro diritto, una grande libertà dire, esprimere, spandere la loro visione delle cose…ma cosa?! Ma come fate a essere così lanciati, a pensare che il mondo o anche solo qualcuno abbia bisogno delle vostre flatulenze mentali? Credetemi, NESSUNO ne ha bisogno. Anzi, il mondo va peggio dello schifo storico standard perché tutti sono convinti di avere un’opinione decisiva, che deve essere detta e rinforzata, e nessuno si fa domande. Tutto è peggio perché si generalizza, assolutizza in tutti i sensi, si confonde il fine coi mezzi, non si discute e soprattutto non si ascolta o legge ma si PARLA! E via con tonnellate e tonnellate di parole del ca**o, ragionamenti irragionevoli, banalità fuori luogo che confondono…

TA-CE-TE, cristo!

E non è uno sfogo premestruale, non è isteria.
Semplicemente, se scrivete ‘musulmani animali, noi non vi abbiamo fatto nulla’, “la Fallaci aveva visto previsto e stravisto tutto!!!”, ma anche se scrivete ‘yeye siamo tutti Parigi’, se scrivete Print‘chiudere le frontiere è razzismo’, non vi beccate solo il mio inutile #BEEEEEP. Certo poco importa che siate eliminati dal mio facebook o dalla mia strada – non vi faccio fuori, è che non vi voglio più nelle palle quindi cambio strada, cambio Paese, me ne vado sull’Everest se serve.
Il punto è che sarete eliminati dalla storia, dalla realtà, perché non riuscite a farne parte, ad avere la pazienza, la determinazione, l’umiltà e l’ambizione di capirla – quindi, non potete cambiarla. E qualsiasi coglione con qualsiasi intenzione farà di voi ciò che vuole.

Potrei fregarmene, ma il dettaglio più odioso di questa situazione è che non posso tirarmene fuori perché nella fossa che vi scavate, per forza di cose, ci sono pure io. “Andate al diavolo, seppellitevi” mi viene da dire dopo anni di ingenua speranza, di sopravvalutazione idiota e rassicurante…Ma accidenti a voi, seppellite anche me sotto le vostre opinioni da bar che importano, eccome se importano, ma certo non nel senso che credete voi. Le vostre opinioni da bar fanno la realtà, eccome se la fanno – nel non farla, nel non capirla, nel correre a blablabla come oche senza testa.

Quindi accidenti state zitti, tacete, state fermi. Ascoltate, leggete, siate umili per capire e ambiziosi di formarvi qualcosa di più di un conato da bar. Magari domani ne parliamo, o nei prossimi giorni, o tra un po’. E non parlo solo di Parigi, è chiaro: parlo di Unione Europea, di immigrazione, di sentimenti e relazioni, di tutto quello di cui sproloquio nel mio blog. Perché certo, io parlo, ma io so il rischio che corro parlando: voi lo sapete?

[e comunque, rispetto a quanto mi frulla nella testa sto anche parecchio zitta. Voi non potete immaginare quanto sto zitta, soprattutto se mi conoscete dal vivo e sapete quanto parlo; e comunque II, io sono insieme mille volte più umile e mille volte più ambiziosa di voi. E sì, mi è venuto anche in mente che, a volte, sono solo molto più ubriaca di voi, ma non sono un’alcolizzata quindi direi che la cosa è chiarita – immagino capiate, ma se non sapete di cosa parlo ascoltate qui].

E alla fin fine credetemi, provate anche solo per una volta, tenetevi per voi impulsi evacuatori, idee geniali e link bollenti: il mondo non crollerà per questo – anzi, in parte, sta crollando proprio per questo.

Grazie.

N.B.: LE RARE ECCEZIONI.

Esistono rare eccezioni di “pensate veloci” e “emozioni intelligenti e utili”.

Il primo caso riguarda riflessioni appropriate, ragionate, ma parziali – felicemente parziali, nel senso di limitate a singoli aspetti. Considerazioni, paralleli calzanti e ” nuovi”, ma senza pretesa di assolutezza o azione totale. Perché il bello dei geni del male che parlano, parlano e parlano è che, invece, sulla base dell’impressione di micuggino vorrebbero costruire un programma di organizzazione e politica mondiale omnicomprensivo.

Il secondo caso, più unico che raro, è quello di chi sa esprimere emozioni ragionevoli – sì, le emozioni possono essere intelligenti o meno. E a qualcuno riesce di “sentire” emozioni che illuminano, che danno spessore, che creano ponti nel reale. Ma è tanto difficile che, nel dubbio, è sempre meglio il silenzio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...