Cristina Ali Farah a Brescia

Domani l’autrice italo-somala sarà a Brescia per una serie di incontri.

Alle 13.45 sarà a Flatlandia, la trasmissione letteraria di Radio onda d’urto, dove anch’io le rivolgerò qualche domanda.

La sera poi, dalle 20.30, l’avremo ospite a Cross-Point (sempre in collaborazione con Flatlandia) e Cristina ci presenterà il suo nuovo romanzo Il comandante del fiume. Avremo tempo e modo di discutere con lei delle tematiche della sua scrittura!

 

Cross-Point è in via delle Battaglie 33/b, a Brescia.

 

Una semplice alternativa, cazzo!

La Ferrari inizia a regalare le prime soddisfazioni a Sergio Marchionne. […] Il manager del Lingotto […] ha esercitato lo scorso 30 ottobre le sue stock option Fca e Cnhi […]. A fine giornata, dopo averne venduto una parte per saldare i prezzi d’acquisto e far cassa, si è trovato in tasca un tesoretto da 90 milioni di euro.

La prima fetta, pari a 10,7 milioni in contanti, è arrivata comprando e vendendo in 24 ore i titoli legati al piano di incentivazione in scadenza il 3 novembre. […] Il manager del Lingotto però non si è fermato qui e […] al termine di questa partita di giro, senza aver messo un centesimo di tasca propria, si è messo nel portafoglio 5,2 milioni di azioni della casa automobilistica e 5,7 della Cnhi. Valore totale: 80 milioni di euro circa.

Continua a leggere

Una tesi su Camus non può fare

Rileggo a distanza di anni questo pezzo di Said. E risuonano concetti diversi. Molto diversi anche da quelli della mia Tesi di laurea specialistica. Certo, era una tesi eminentemente filologica e non di politica della letteratura, ma non posso non ricordare in che tono i pochi spunti politici venivano indirizzati, in che quadro inquadrati dal docente che mi seguiva. Il tutto si risolveva di solito nella battuta, pronunciata con inattaccabile verve da “viveur letterario”, e messa in bocca a Sartre:

Continua a leggere